Come cambiare le candele auto

In questa guida vedremo come sostituire le candele ad una fiat punto 2 del 1999 1.2 16V.
Questa procedura è grossomodo la stessa per la gran parte dei veicoli a benzina ma consiglio di documentarvi meglio sulla corretta procedura da effettuare sulla vostra auto dato che potrebbero cambiare dei dettagli da caso a caso.

Per la sostituzione delle candele affidiamoci alle tempistiche riportate nel libretto di uso e manutenzione ma generalmente queste andrebbero cambiate ogni 40-50.000km circa.

Questo lavoro va svolto a motore freddo o al massimo tiepido per evitare scottature!

Tempo necessario per l’operazione: 15-20 min.

Difficoltà: Medio-Facile

Attrezzi e materiali necessari:

  • N.4 candele nuove compatibili con il motore
  • Chiave esagonale misura 16 apposita
  • Cacciavite medio a croce per aprire il coperchio filtro aria
  • Chiave esagonale misura 10 per svitare l’air-box
  • Olio per filettatura (opzionale)
  • Aria compressa (opzionale)
  • Chiave dinamometrica (importante ma opzionale)

Quali candele occorrono:

Di seguito sono elencati i codici delle più comuni candele che possiamo trovare nei supermercati / negozi specializzati / ricambisti, adatte a questa vettura:

Versione 1.2 – 8 valvole (188A4000):

  • NGK: BKR5EZ
  • Bosch: FR 8 D+
  • Fiat: BKR5EZ  –  RC10YCC
  • Champion:  RC10YCC

Versione 1.2 – 16 valvole (188A5000):

  • NGK: DCPR8E-N
  • Bosch: YR 7 DE
  • Fiat: RA4HCX – DCPR8E-N
  • Champions: RA4HCX

Versione 1.8 – 16 valvole (183A1000):

  • NGK: BKR6EKC
  • Fiat: RC8BYC – RC10YCC – BKR6EKC
  • Champions: RC8BYC – RC10YCC

“Il libretto di uso e manutenzione è sempre e comunque la fonte più sicura per trovare i codici adatti al nostro motore e in ogni caso invito chiunque di verificare la veridicità dei suddetti codici al momento dell’acquisto!”

Iniziamo:

Per prima cosa scolleghiamo la batteria in modo da lavorare in modo sicuro.

Per raggiungere le candele dovremo allontanare l’air-box dato che si trovano al di sotto di esso. Per fare ciò svitiamo il coperchio del filtro dell’aria, con un cacciavite medio a croce, e appoggiamolo nelle vicinanze. Dopodichè svitiamo le 3 viti che tengono ancorato l’air-box al motore con una chiave esagonale del 10.

Ora scolleghiamo il tubo che va al corpo farfallato dall’air-box allentando la relativa fascetta. Ora possiamo allontanare l’air-box e ci ritroveremo davanti il motore vero e proprio.

A questo punto dovremo tirare via le pipette per avere accesso alle candele, tiriamo quindi la prima pipetta e appoggiamola nelle vicinanze.

Ora avremo diretto accesso alla candela posta al fondo del pozzetto ma prima di svitarla ed estrarla cerchiamo di pulire l’alloggiamento con dell’aria compressa o soffiandoci dentro. Questo eviterà che eventuali sporcizie possano entrare nella camera di scoppio una volta estratta la candela.

Fatto ciò possiamo svitare la candela con l’apposita chiave a T oppure una chiave a cricchetto con bussola apposita o altra chiave simile in dotazione. La particolarità di queste chiavi sta nel fatto che contengono, al loro interno, un gommino rotondo che fa presa sulla candela stessa, permettendone l’estrazione una volta svitata.

“Il diametro esterno massimo della bussola non dovrà essere maggiore di 23 mm, meglio se 22. Io ho dovuto far limare la mia chiave a T, comprata al supermercato, in quanto troppo larga.”

Inseriamo quindi la chiave nel pozzetto, delicatamente, e ruotiamo finché non facciamo presa sulla candela. A questo punto iniziamo a svitare in senso antiorario finché non sentiamo la candela girare a vuoto.

Dopo aver svitato completamente la candela tiriamo lentamente su la chiave e, una volta fuori, afferriamo la candela stessa per evitare che possa ricadere accidentalmente nel pozzetto e rovinarsi o peggio ancora rompersi.

“In questo frangente facciamo particolare attenzione a non far cadere niente nel pozzetto, finirebbe direttamente in camera di scoppio, e sono rogne!”

Ora prendiamo una candela nuova e compatibile con il nostro motore (troviamo il codice nel libretto di uso e manutenzione) e inseriamola nella chiave incastrandola nel gommino.

Controlliamo che la filettatura sia pulita e, se vogliamo, mettiamo qualche goccia di olio sulla stessa.

Infiliamo la chiave con la candela dentro il pozzetto e abbassiamola lentamente fino a entrare nel foro apposito. Cerchiamo di inserire la candela dritta.

A questo punto iniziamo a ruotare la chiave ma fermiamoci se sentiamo troppa resistenza, potremmo aver inserito male la candela. In questo caso basta svitare nuovamente la candela e reinserirla dritta.

Una volta avvitata la candela, si presenterà inevitabilmente il dilemma di quanto stringerla. La cosa migliore sarebbe utilizzare una chiave dinamometrica, con la quale possiamo settare e quindi rispettare la corretta forza di serraggio indicata dal costruttore (27nm in questo caso).

Nel caso non avessimo la suddetta chiave, possiamo naturalmente accomodare con quella che possediamo, stringendo in modo deciso ma senza esagerare, in quanto rischieremmo di rovinare la filettatura.

Un modo, approssimativo, per stringere correttamente una candela può essere il seguente:

In tutti i casi partiamo dal punto in cui la candela inizia a fare una leggera presa.

  • Candela nuova con guarnizione: effettuiamo un mezzo giro circa; per pressare la guarnizione.
  • Candela usata con guarnizione: effettuiamo un quarto di giro circa; la guarnizione è già pressata.
  • Candela senza guarnizione: effettuiamo un ottavo di giro circa; per l’assenza di guarnizione.

Queste, come già detto, sono indicazioni da prendere con le pinze in quanto dipendono anche molto dalla chiave che stiamo utilizzando nonchè dalla nostra forza.

Possiamo però prenderle come riferimento almeno per fare in modo di stringere ugualmente tutte e 4 le candele.

A questo punto possiamo inserire la pipetta dentro il pozzetto e spingerla finchè non sentiremo un “clac” che ne indica il corretto aggancio alla testa della candela.

Ora eseguiamo le suddette operazioni per le successive 3 candele, dopodiché rimontiamo l’air-box, ricolleghiamo la batteria e abbiamo finito!

Potrebbe piacerti anche